La bandiera come linguaggio scenico

La bandiera non è uno strumento. Perché comunica emozioni, proprio come le parole.

Per capire appieno cosa sia la bandiera ed il suo significato millenario, bisogna partire da cosa non è: NON È UN MERO OGGETTO TEATRALE.
Sbandierare è un linguaggio a tutti gli effetti, unico nel suo genere, ideato nel 1980 dal Regista, Coreografo e Maestro di Bandiera Giovanni Nardoni.

I LINGUAGGI NARRATIVI DI GIOCHI COREOGRAFICI CON BANDIERE

Gli spettacoli sono interamente articolati sugli esclusivi giochi coreografici di bandiere, in aggiunta ad effetti piroteatrali e brevi azioni recitanti.
Sono stati coniati nel rispetto dei codici storici di “Maneggio della Bandiera” editi dal 1500 al 1700, e dilatati a livello spettacolare secondo una nuova grammatica plastico espressiva propria del Mr. Giovanni Nardoni. Essi riescono con grande eleganza a creare un dialogo etico ed estetico fra il panno (bandiera) e l’Alfiere ( sbandieratore ) per donare al pubblico suggestioni e vibrazioni emotive proprie dell’animo umano.

Così il linguaggio narrativo che ne scaturisce, permette di raccontare con grande straordinarietà, storie, leggende, miti e fatti storici. Permette di trasferire al pubblico le perenni lotte che da sempre s’agitano nell’animo umano: gioia/tristezza, guerra/pace, inganno/verità, forza/debolezza, dolore/piacere, amore/tradimento.

SCARICA LA STORIA COMPLETA DELLA BANDIERA

Per poter divulgare a pieno le origini, la storia e le evoluzioni della bandiera e del suo manovratore attraverso i secoli, fino alle odierne esibizioni di natura storica e spettacolari relativi ai linguaggi narrativi, è disponibile una mostra didascalica e iconografica di grande impatto emotivo, che può essere messa a disposizione su specifica richiesta.

GIOVANNI NARDONI E LA SUA STORIA

Giovanni Nardoni